Si avvisa la gentile clientela che le spedizioni riprenderanno regolarmente in data 06/01/2018. Grazie!

Chiudi
Cerca
Filters

M'ANIS Produzione Birra Artigianale

La conoscenza, l’esperienza e il controllo del processo dalle origini, per offrire sempre il meglio della qualità.

 

M’ANIS è il frutto di un pensiero, espresso, nella sua forma finale, da un packaging inusuale e moderno, che sa raccontare una storia dietro alle lettere impresse nero su bianco, o, in questo caso, bianco su nero.

M’ANIS è infatti l’acronimo che raccoglie l’eredità dei progenitori, Margherita e Narciso Sfoggia.

È il risultato del loro impegno e della loro passione, portato a compimento dai figli e, recentemente, anche dai nipoti.

 

Prima di diventare birra, M’ANIS è un viaggio dalla terra ai sensi, un percorso ricco di note ed emozioni che possiamo incontrare e conoscere perché custodite nelle materie prime utilizzate.

In M’ANIS ritroviamo l’acqua dello Schievenin, preziosa fonte delle Prealpi Bellunesi che alimenta la pianura Trevigiana, e pregiati malti tedeschi e malti italiani, che donano finezza e fragranza.

Tutti i processi produttivi – e questa è una caratteristica che rende unica la birra M’ANIS – sono controllati dall’azienda stessa attraverso società collegate.

 

Negli ultimi anni, l'azienda ha presentato anche l’unica e originale bevanda alcolica M'ANIS 3.9, prodotta con 100% malto di riso italiano.

Il riso, cereale nobile per eccellenza, non contiene glutine e si presta pertanto alla creazione di un prodotto naturalmente gluten free.

 

Negli impianti del COBI, malteria a cui l’azienda è associata, viene maltato riso di esclusiva produzione nazionale.

Il cereale, il terreno, l’acqua… ecco il segreto di M’ANIS, il cui processo è interamente controllato dalla stessa azienda, dall’origine al prodotto finito e confezionato, a garanzia del consumatore finale.

 

"Ingrediente da segreto" o "segreto da ingrediente"?

Si narra che la birra M’ANIS 8.6 abbia delle virtù speciali e che chiunque la beva poi possa dormire sereno accompagnato da dolci sogni.

Merito di un ingrediente segreto? No, piuttosto, la verità sulla leggenda sta nel segreto dell’ingrediente stesso: il luppolo! Il luppolo, nome scientifico Humulus lupulus L., viene utilizzato nella fabbricazione della birra, per conferire il caratteristico sapore amarognolo, ma ha in sé anche doti rilassanti e calmanti per chi soffre di insonnia o nervosismo.

La 8.6 ne ha una dose maggiore, che però non le conferisce ulteriore amarezza, poiché è il doppio malto stesso che supporta una maggior quantità di luppolo.

Il Chicco d'Uva - Magazine